Fantasia

Fantasia
La brama della scrittura arde come una fiamma in un cuor propenso. Vivì

Pages - Menu

lunedì 11 gennaio 2021

La leggenda di Bloody Mary

                                                                                 


Non mi sono mai cimentata a scrivere racconti horror ma, nello scorrere il web, mi sono imbattuta in questa storia che mi ha colpita e impressionata per la spietatezza, anzi direi crudezza del contenuto, sconsigliato ancora una volta ai soggetti più impressionabili.

Questa e la storia di Bloody Mary che in alcuni casi, pare fosse una strega arsa viva sul rogo. Comunque, strega o no, sembra che il suo  nome sia diventato impronunciabile perché, si vocifera che il suo spirito appaia a tutti coloro che, davanti a uno specchio e con una candela accesa, lo scandisca per tre volte. Si narra che uno volta evocato, lo spirito della ragazza non conceda più pace all’incauto e continui a tormentarlo fino a quando questi non muoia.

In realtà, tutta la leggenda sarebbe fiorita di bocca in bocca e nata da una tragedia familiare avvenuta tanto tempo fa.

Nei secoli scorsi molte malattie erano incurabili e quelle a carattere pandemico, come la peste o la difterite, propagavano il terrore nelle popolazioni.                                  

La storia di Mary, una giovinetta tra i quattordici e i sedici anni, figlia di un medico condotto, iniziò appunto con una malattia.

La ragazza aveva la febbre alta e il padre sospettò subito che si trattasse di difterite. Dopo pochi giorni, la malata cadde in un coma profondo e, forse, fu proprio per il terrore provocato dal pensiero del contagio a spingere l'uomo ad accelerare le procedure della sepoltura, sebbene fosse ben consapevole che la poverina desse ancora deboli segnali di vita.

Inutilmente la moglie del medico tentò di impedire che la figlia venisse rinchiusa nella bara, il marito sembrava uscito di senno e non volle ascoltare ragioni.

La madre della ragazza, ormai in preda alla disperazione e nella speranza di un miracoloso risveglio, escogitò uno stratagemma e fece legare uno spago al polso della figlia, al cui capo era collegato un campanello fissato a un palo, piantato all'esterno della sepoltura.

La donna avrebbe passato la notte nei pressi, così, se davvero la figlia si fosse ripresa dal coma, lo avrebbe segnalato all’esterno e lei avrebbe potuto accorrere in suo aiuto.

Purtroppo, il marito ne scoprì le intenzioni e ormai deciso a portare fino in fondo il suo folle proposito, somministrò alla donna un potente sedativo.

Il giorno dopo, al suo risveglio la moglie accorse sul luogo della sepoltura trovando lo spago spezzato e la campanella in terra.

Il feretro venne disseppellito e la bara riaperta. 

                        

La scena che si presentò davanti agli occhi degli astanti fu agghiacciante. Come la madre aveva sperato, la ragazza si era risvegliata dal coma e aveva tentato in tutti i modi di liberarsi.  Le sue mani erano insanguinate e le sue dita prive di unghie perché si erano consumate e poi staccate a furia di graffiare il legno del funereo scrigno. Dopo una lunga e straziante agonia la giovane era morta per asfissia. Una fine atroce. Sul volto le erano rimasti impressi tutto l'orrore e il terrore provati in quei minuti fatali.

Sembra che la madre impazzì dal dolore e la disperazione per non essere riuscita a salvare la figlia, mentre il padre di Mary, il giorno dopo venne trovato morto nella stanza da bagno, in seguito a un arresto cardiaco. Dietro alla sua morte si celerebbe un mistero, perché accanto al corpo  vi era lo specchio rotto ma, il particolare che più impressionò, fu il volto del cadavere immobilizzato in una smorfia di incredulità e di terrore, proprio come se il medico avesse visto un fantasma.                                         

              

Ricerca effettuata sul web

immagini Phoneky

14 commenti:

  1. Allora...non ci credo ma non ci provo ahhahahaha
    Mai tentar la sorte

    Comunque è una storia affascinante anche se terribile e macabra. Adesso non ricordo piùin quale libro ne abbia letto ma forse qualche scrittore deve av erne preso l'idea. Non usava lo spago ma una catenina d'oro al collo della ragazza viva.
    Sei veramente in gamba a racocntare! Ciaoooo

    RispondiElimina
  2. Brrrrrrr........wow! Che storia macabra. Mi immagino quella povera ragazza cosa deve avere provato rinchiusa in quella bara. Certo che tu sei veramente abile nel raccontarle le storie! Le fai vivere come fossero vere. Molto brava. Ciao.

    RispondiElimina
  3. La leggenda è scritta molto bene.Il contenuto è da brivido,buona serata.

    RispondiElimina
  4. Muy buena historia. Me encantó. El misterio se ve desde las primeras letras.

    Saludos y un abrazo.

    RispondiElimina
  5. Otro gran relato, prolífica amiga. Escribes cada vez mejor...

    Abrazo agradecido.

    RispondiElimina
  6. Una leggenda dai tratti intensi, e, in alcuni punti, anche dolorosa.
    Buona giornata carissima,silvia

    RispondiElimina
  7. Una storia horror da brivido. Incubo per ogni essere mortale. Buona giornata.

    RispondiElimina
  8. Una bella storia..da brividi !!! L'ho lettacon molta curiosità e mi è piaciuta , anche se spero proprio che , a nessuno mai, capiti di essere sepolto...troppo presto !Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. Impresionante relato!!.
    Una gran e impactante historia.
    Un beso.

    RispondiElimina
  10. Bloody Mary........solo il famoso coktail e Maria la sanguinaria e,poi arrivi tu,ancora una volta,a sfamare la mia voglia di sapere.Assolutamente ,a me ,sconosciuta questa oscura leggenda.Sai rendere ,piacevole,con la tua magica penna,una storia orribile come questa.La tua ispirazione non ha confini.Ciao.Lu.

    RispondiElimina
  11. Sono stata indecisa fino all'ultimo, poi ho rinunciato a scrivere anche della regina, altrimenti il post si sarebbe prolungato troppo. Forse, chissà, un'altra volta. Un bacio e un abbraccio Lu. 💖💖💖

    RispondiElimina
  12. une histoire passionnante
    excellente soirée

    RispondiElimina
  13. Ooh mamma mia, che paura !! 😈 😲 Mi stavo tagliando i capelli davanti allo specchio in questo momento ma e meglio che non lo faccia piu, forse apparira Mary e mi pugnalera poi uscira dallo specchio e si bagnera nel mio sangue per recuperare tutto il che ha perso??????
    Like, like, like a la tua storia dell'orrore!!!

    RispondiElimina
  14. Una storia interessante e anche dolorosa, la perdita di un figlio è qualcosa che nessuno dovrebbe mai provare, si rischia di impazzire.
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina