Fantasia

Fantasia
La brama della scrittura arde come una fiamma in un cuor propenso. Vivì

Pages - Menu

sabato 11 dicembre 2021

La leggenda dei Krampus

 



 

Il termine Krampus deriva dal bavarese Krampn e significa morto, putrefatto. Il termine deriva anche dal tedesco Kramp che significa artiglio.

Pare che questa leggenda risalga al periodo precristiano e nella zona definita austro-ungarica.

I Krampus sono figure demoniache dai tratti mostruosi, che si aggirano per le vie dei villaggi alla ricerca di ragazzi da punire.  Indossano vesti lacere e lorde ricoperte di pelo e di piume di animali e i loro volti sono nascosti da maschere orripilanti. Durante il solstizio d’inverno, quando le tenebre hanno la meglio sulla luce, si aggirano per vie immerse nel silenzio e nell’oscurità diffondendo nell’aria il rumore inquietante di cupi campanacci, fruste sibilanti e cigolii di catene.



La tradizione vuole che le maschere siano esclusivamente maschili ma esisterebbe anche una versione femminile detta “Krampa”.

La leggenda narra che nei periodi di carestia i giovani montanari si travestissero di pelli e corna di animali e sotto la copertura delle maschere si aggirassero per le strade terrorizzando gli abitanti e derubandoli di tutto ciò che di commestibile avevano immagazzinato per l’inverno.

Dopo un paio di scorrerie, però, i giovani si accorsero che tra loro,  si era infiltrato un demone vero, riconoscibile per le zampe e gli zoccoli caprini, e si rivolsero al vescovo Nicola protettore dei bambini, per esorcizzarlo. Il sant’uomo affrontò con coraggio e perizia il demone e lo sconfisse, riducendolo in schiavitù e riportando la pace nelle case del villaggio.


Nacque allora la tradizione per i giovani di sfilare in parata la vigilia di San Nicola, non più per depredare gli anziani contadini ma per punire i ragazzini più ribelli.

Il corteo, che è volutamente molto rumoroso e si svolge ancora oggi in certe zone dell’Europa e del nord Italia, inizia con il vescovo Nicola che sfila su un carro circondato dalle maschere dei Krampus. Il religioso si sofferma a interrogare i più giovani tra gli spettatori e dispensa dolcetti ai più buoni redarguendo con severità quelli più ribelli.

Il compito del vescovo è anche quello di tenere quieti gli iracondi demoni che, altrimenti, frustrati dalla lunga inattività e bersagliati da ingiurie e provocazioni da parte degli abitanti tenderebbero ad aggredire piccoli, grandi e persino anziani elargendo a destra e a manca energiche vergate o colpi di frusta.

Appena il sole tramonta San Nicola si ritira dal corteo e i demoni rimangono liberi di scorrazzare per le vie del paese inseguendo e terrorizzando i paesani più restii a tornare a casa.

In qualunque paese si svolga la parata vige per tutti un’unica regola: Mai cercare di strappare la maschera a un Krampus perché questo porterebbe disonore alla mostruosa creatura, ma il malsano gesto potrebbe anche riservare una cattiva sorpresa e l’incauto curiosone potrebbe  scoprire di trovarsi davvero davanti a un demone! 

           



Ricerca effettuata sul web 

immagini Pinterest   

 

15 commenti:

  1. Un testo originale, e notevole, che ho molto apprezzato nella sua lettura
    Un abbraccio, cara Vivì,silvia

    RispondiElimina
  2. Tutte le leggende hanno sempre qualcosa di reale. Storie di demoni, pagani, esseri cattivi e buoni fanno parte di queste leggende. La leggenda di S-. Nicholas non è diverso. Appare un buon "demone" che si infiltra con coraggio superiore per sconfiggere il demone malvagio. Una storia che ancora oggi viene raccontata ai bambini perché siano buoni l'uno con l'altro.
    .
    Buon fine settimana
    .
    Pementi speculativi e sogni ad occhi aperti
    .

    RispondiElimina
  3. Molto bella questa leggenda del Friuli.(Tarvisio)

    RispondiElimina
  4. Mi affascino ogni volta che mi inoltro nella lettura dei tuoi post, scopro ogni volta nuove storie e leggende. Buona serata.

    RispondiElimina
  5. Simpatica tradizione molto leggendaria, ciao e buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina
  6. Conoscevo il personaggio ma non la sua storia o le sue origini! Bellissimo post grazie!

    RispondiElimina
  7. Bentrovata cara, mi mancavano le tue letture!!!!

    RispondiElimina
  8. A terryfing character! I'm your new follower. May you follow me back?
    Thanks and regards.

    RispondiElimina
  9. non sembra una cosa piacevolissima, incontrare uno di questi krampus 😱

    RispondiElimina
  10. Genial relato me dio miedito. Te mando un abrazo y te deseo una feliz navidad y prospero año nuevo a ti y a tu familia.

    RispondiElimina
  11. Un testo originale, e notevole, che ho molto apprezzato nella sua lettura
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Un abbraccio cara, con i migliori auguri di buon anno!!!!

    RispondiElimina
  13. Buongiorno, mette i brividi ma spiegato anche perché l idea del male è dei demoni è così radicato in ognuno di noi. Un retaggio ancestrale consolidato nel tempo da riportare al presente x chi fa del male ancora oggi:
    Attenti sarete puniti

    RispondiElimina
  14. Ciao Vivi, le tue leggende affascinano sempre il lettore,ma non dimendichiamo che in ogni leggenda ci sia sotto sotto un pò di realtà.
    Buon 2022
    Un caro saluto
    Rachele

    RispondiElimina
  15. Una leyenda interesante que no conocía. Besos.

    RispondiElimina